5 per mille: elenchi disposizioni di pagamento dal 2007 al 2011

Sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali è stato pubblicato l'elenco delle disposizioni di pagamento relative al 5 per mille per gli anni finanziari dal 2007 al 2011 (www.lavoro.gov.it ). Sono disponibili anche gli elenchi delle disposizioni di pagamento effettuate entro il 13 dicembre 2013 per mandati non andati a buon fine in precedenti ordini di pagamento sempre dal 2007 al 2011. Importante: nella procedura di pagamento alcuni versamenti possono non andare a buon fine a causa di variazioni del codice IBAN determinate dalle trasformazioni societarie degli istituti di credito. Eventuali variazioni intervenute sull'IBAN nelle more del pagamento dovranno essere comunicati all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Linee guida rendicontazione 5 per mille: tutte le novità punto per punto

Linee guida rendicontazione 5 per mille: tutte le novità punto per punto

Le Linee Guida sulla rendicontazione del 5 per mille, pubblicate a metà luglio dalla Direzione Generale per il Terzo Settore del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, presentano notevoli differenze rispetto a quelle precedentemente pubblicate (dicembre 2010).

Sono rimasti fermi alcuni punti chiave, quali i termini di redazione (un anno, conteggiato a partire dalla fine del mese nel quale si sono ricevute le somme) e di invio, in caso di incasso pari o maggiore a 20.000 euro (la fine del mese successivo al limite massimo previsto per la redazione). Rammentiamo che l'obbligo di rendicontazione è per tutti i soggetti che ricevono il 5 per mille, indipendentemente dalla somma percepita.

In relazione alle novità, si segnala:

a) possibilità di accantonare somme per un progetto specifico; in questo caso rimane l'obbligo per le altre spese di essere effettuate entro l'anno dal ricevimento delle somme, così come restano fermi gli obblighi di rendicontazione e di annotazione nello schema di rendiconto della quota destinata all'accantonamento. Detta quota deve essere comunque spesa entro 24 mesi dall'incasso del 5 per mille (viene quindi operata una sorta di deroga di ulteriori 12 mesi) ed entro lo stesso termine occorre redigere ed inviare un rendiconto supplementare che richiami quello precedente ed il fatto che si sta rendicontando la parte accantonata precedentemente segnalata.

Esempio:

Associazione Alfa riceve 25.000 € il 3 ottobre 2013.

Il CD decide di accantonare 18.000 euro per la costruzione di un hospice.

Entro il 31 ottobre 2014 l'associazione deve aver speso la parte non accantonata; entro il successivo 30 novembre 2014 deve inviare il primo rendiconto nel quale espone come ha speso 7.000 euro per i primi 5 punti dello schema di rendiconto e segnala al punto 6 dello schema che intende impiegare il resto della somma nei successivi 12 mesi, per i fini di cui sopra. Allega permessi di costruzione o preventivi di spesa relativi ai costi che intende supportare grazie a questi fondi.

Entro il 31 ottobre 2015 delibera ed invia la rendicontazione completa, inclusi i costi per la costruzione dell'hospice.

b) acquisto beni mobili registrati; Le organizzazioni che utilizzano (in tutto o in parte) le somme ricevute dal 5 per mille per l'acquisto di beni mobili registrati (autovetture, ambulanze) allegano alla rendicontazione (e inviano, se le somme totali ricevute sono superiori a 20.000 euro) una dichiarazione del rappresentante legale con la quale si esplicita che per l'acquisto di detti beni non si è fruito di alcun finanziamento pubblico. Le linee guida non esplicitano di quali finanziamenti si tratti, ma si ritiene che siano quelli:

- di cui all'art 96, L 342/00;

- di cui all'art 20, DL 269/03.

Le linee guida non chiariscono se detta dichiarazione sia resa dal rappresentante sotto la sua personale responsabilità ed a piena conoscenza della responsabilità penale prevista per le dichiarazioni false dall’art.76 del D.P.R. 445/2000 e dalle disposizioni del Codice Penale e dalle leggi speciali in materia.

 

c) risorse umane; in merito allo schema di rendiconto, si segnala che è obbligatorio allegare copia delle buste paga dei dipendenti (fino alla concorrenza della somma attribuita a questa voce) nel caso in cui le somme attribuite a questa voce superino il 50% dell'importo del 5 per mille ricevuto.

 

d) data di imputazione dei costi; la data dalla quale si possono imputare i costi è quella di pubblicazione degli elenchi dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e NON - come è stato finora - dalla data di pubblicazione degli stessi da parte (e sul sito) dell'Agenzia delle Entrate. Si segnala che finora il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali non ha mai reso noto la data di pubblicazione sul suo sito di detti elenchi.

 

e) relazione descrittiva: nella versione precedente, la relazione descrittiva era obbligatoria solo nel caso in cui fossero state impiegate risorse nei punti 4 e 5 dello schema del Ministero. Nella nuova versione, invece, è sempre obbligatorio allegare al rendiconto detta relazione.

 

f) invio della rendicontazione: la modalità di invio della rendicontazione è limitata a quella cartacea, e non è più possibile inviarla per posta elettronica certificata.

 

g) alternativa allo schema: le Linee Guida ammettono la possibilità per le organizzazioni, in alternativa all'invio dello schema predisposto dal Ministero, di redigere un bilancio sociale (senza obblighi di forma né di contenuto), e di comunicarne al Ministero la pubblicazione sul proprio sito nei termini previsti. Nel caso non fosse pubblicato sul sito dell'ente, lo stesso deve essere inviato nei termini previsti al Ministero.

 

SCARICA LE LINEE GUIDA

Nuove Linee guida rendiconti_5xmille.pdf

 

 

5 per mille alla cultura: le scadenze

Il Ministero dei beni e delle attività culturali ha pubblicato sul proprio sito un comunicato nel quale si riporta che le scadenze del 5 per mille 2013 sono le medesime di quelle contenute nel DPCM 30 maggio 2012

Leggi tutto: 5 per mille alla cultura: le scadenze

5 per mille

Regolarizzazione adempimenti relativi al 5 per mille

 

È possibile sanare, entro il 30 settembre 2013, irregolarità sorte nella gestione del 5 per mille 2013, nel caso specifico se:

- la domanda di iscrizione agli elenchi del 5 per mille 2013 non sia stata regolarmente presentata entro i termini previsti (7 maggio 2013 per gli enti del volontariato e per le associazioni sportive dilettantistiche);

- la dichiarazione sostitutiva non sia stata regolarmente presentata entro i termini previsti (1 luglio 2013 per gli enti del volontariato e per le associazioni sportive dilettantistiche);

- non sia stata allegata alla dichiarazione sostitutiva copia del documento di identità del rappresentante legale.

Per la regolarizzazione è necessario:

- essere in possesso dei requisiti per l’ammissione al beneficio del cinque per mille alla data originaria di scadenza dei termini di presentazione della domanda di iscrizione

- presentare la domanda di iscrizione e/o provvedere alla integrazione documentale (dichiarazione sostitutiva e copia del documento d’identità) entro il termine del 30 settembre

- versare una sanzione di 258 euro con modello F24 (codice tributo 8115).

La possibilità di sanare si applica a tutti gli enti destinatari del contributo del cinque per mille, qualunque sia la categoria di appartenenza seguendo le medesime modalità con le quali doveva essere effettuato l’invio originario.

Uscito il 5 per mille

Con la circolare 6/E del 21/3/2013, l'Agenzia delle entrate ha pubblicato le modalità di iscrizione al riparto del 5 per mille per l'anno finanziario 2013, relativo alle dichiarazioni dei redditi 2012.

 

Leggi tutto: Uscito il 5 per mille

Privacy Policy di http://www.csv.como.it
Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.
Tipologie di Dati raccolti
Fra i Dati Personali raccolti da questa Applicazione, in modo autonomo o tramite terze parti, ci sono: Cookie e Dati di utilizzo.
Altri Dati Personali raccolti potrebbero essere indicati in altre sezioni di questa privacy policy o mediante testi informativi visualizzati contestualmente alla raccolta dei Dati stessi.
I Dati Personali possono essere inseriti volontariamente dall'Utente, oppure raccolti in modo automatico durante l'uso di questa Applicazione.
L'eventuale utilizzo di Cookie – o di altri strumenti di tracciamento – da parte di questa Applicazione o dei titolari dei servizi terzi utilizzati da questa Applicazione, ove non diversamente precisato, ha la finalità di identificare l'Utente e registrare le relative preferenze per finalità strettamente legate all'erogazione del servizio richiesto dall'Utente.
Il mancato conferimento da parte dell'Utente di alcuni Dati Personali potrebbe impedire a questa Applicazione di erogare i propri servizi.
L'Utente si assume la responsabilità dei Dati Personali di terzi pubblicati o condivisi mediante questa Applicazione e garantisce di avere il diritto di comunicarli o diffonderli, liberando il Titolare da qualsiasi responsabilità verso terzi.
Modalità e luogo del trattamento dei Dati raccolti
Modalità di trattamento
Il Titolare tratta i Dati Personali degli Utenti adottando le opportune misure di sicurezza volte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la distruzione non autorizzate dei Dati Personali.
Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate. Oltre al Titolare, in alcuni casi, potrebbero avere accesso ai Dati categorie di incaricati coinvolti nell'organizzazione del sito (personale amministrativo, commerciale, marketing, legali, amministratori di sistema) ovvero soggetti esterni (come fornitori di servizi tecnici terzi, corrieri postali, hosting provider, società informatiche, agenzie di comunicazione) nominati anche, se necessario, Responsabili del Trattamento da parte del Titolare. L'elenco aggiornato dei Responsabili potrà sempre essere richiesto al Titolare del Trattamento.
Luogo
I Dati sono trattati presso le sedi operative del Titolare ed in ogni altro luogo in cui le parti coinvolte nel trattamento siano localizzate. Per ulteriori informazioni, contatta il Titolare.
Tempi
I Dati sono trattati per il tempo necessario allo svolgimento del servizio richiesto dall'Utente, o richiesto dalle finalità descritte in questo documento, e l'Utente può sempre chiedere l'interruzione del Trattamento o la cancellazione dei Dati.
Finalità del Trattamento dei Dati raccolti
I Dati dell'Utente sono raccolti per consentire al Titolare di fornire i propri servizi, così come per le seguenti finalità: Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne, Statistica e Interazione con social network e piattaforme esterne.
Le tipologie di Dati Personali utilizzati per ciascuna finalità sono indicati nelle sezioni specifiche di questo documento.
Dettagli sul trattamento dei Dati Personali
I Dati Personali sono raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Interazione con piattaforme esterne, contatto via email, iscrizione a newsletter
Statistica
Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne
Ulteriori informazioni sul trattamento
Difesa in giudizio
I Dati Personali dell'Utente possono essere utilizzati per la difesa da parte del Titolare in giudizio o nelle fasi propedeutiche alla sua eventuale instaurazione, da abusi nell'utilizzo della stessa o dei servizi connessi da parte dell'Utente.
L'Utente dichiara di essere consapevole che il Titolare potrebbe essere richiesto di rivelare i Dati su richiesta delle pubbliche autorità.
Informative specifiche
Su richiesta dell'Utente, in aggiunta alle informazioni contenute in questa privacy policy, questa Applicazione potrebbe fornire all'Utente delle informative aggiuntive e contestuali riguardanti servizi specifici, o la raccolta ed il trattamento di Dati Personali.
Log di sistema e manutenzione
Per necessità legate al funzionamento ed alla manutenzione, questa Applicazione e gli eventuali servizi terzi da essa utilizzati potrebbero raccogliere Log di sistema, ossia file che registrano le interazioni e che possono contenere anche Dati Personali, quali l'indirizzo IP Utente.
Informazioni non contenute in questa policy
Maggiori informazioni in relazione al trattamento dei Dati Personali potranno essere richieste in qualsiasi momento al Titolare del Trattamento utilizzando le informazioni di contatto.
Esercizio dei diritti da parte degli Utenti
I soggetti cui si riferiscono i Dati Personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno degli stessi presso http://www.csv.como.it, di conoscerne il contenuto e l'origine, di verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione, la cancellazione, l'aggiornamento, la rettifica, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei Dati Personali trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al Titolare del Trattamento.
Questa Applicazione non supporta le richieste "Do Not Track". Per conoscere se gli eventuali servizi di terze parti utilizzati le supportano, consulta le loro privacy policy.
Modifiche a questa privacy policy
http://www.csv.como.it si riserva il diritto di apportare modifiche alla presente privacy policy in qualunque momento dandone pubblicità agli Utenti su questa pagina. Si prega dunque di consultare spesso questa pagina, prendendo come riferimento la data di ultima modifica indicata in fondo. Nel caso di mancata accettazione delle modifiche apportate alla presente privacy policy, l'Utente è tenuto a cessare l'utilizzo di questa Applicazione e può richiedere al Titolare del Trattamento di rimuovere i propri Dati Personali. Salvo quanto diversamente specificato, la precedente privacy policy continuerà ad applicarsi ai Dati Personali sino a quel momento raccolti.
Informazioni su questa privacy policy
csv.como.it è responsabile per questa privacy policy.
Questa informativa privacy riguarda esclusivamente questa Applicazione.

 

AVC CSV aderisce a:

 

KbRUJQjjccp nuovo webLogo Libera